“La fecondazione artificiale. Da Lazzaro Spallanzani ai giorni nostri”

Gli studenti della classe 2^ D – ITI del Gobetti di Scandiano hanno sviluppato un progetto proposto e finanziato dal Centro Studi Lazzaro Spallanzani e sabato 8 giugno lo illustreranno al pubblico.
Appuntamento alle ore 9,30 presso l’aula magna dell’Istituto P. Gobetti.
Assieme agli studenti interverranno Silvia Poli, curatrice del progetto e Daniele Zambelli, dell’Università di Bologna.
Il progetto è nato nell’ambito delle attività svolte dal Centro Studi Lazzaro Spallanzani a favore dei giovani e dei ragazzi delle scuole scandianesi, per avvicinarli alla figura dell’eminente scienziato, avvalendosi di linguaggi diversi più direttamente fruibili dalla giovani generazioni: non solo cicli di conferenze, lezioni, convegni, ma anche visite didattiche ed esposizioni.
Tema del progetto è stata la fecondazione (Lazzaro Spallanzani ne è stato un precursore già nel lontano 1780), sul quale la classe che ha aderito la progetto, ha realizzato approfondimenti affiancati da uscite didattiche, le cui spese sono state sostenute dal Centro Studi.
La prima uscita didattica ha avuto come meta Casa Spallanzani a Scandiano e qui i ragazzi hanno potuto approfondire sia nozioni di scienze che di storia locale. La seconda, organizzata in collaborazione con l’Università, si è invece tenuta presso la facoltà di Medicina – Veterinaria di Bologna, dove il prof. Daniele Zambelli ha tenuto una lezione alla classe sulle tecniche di procreazione assistita in zootecnia e li ha guidati in una visita ai laboratori di produzione animale della facoltà.
Sabato 8 giungo, alle ore 9,30, si terrà l’ultima parte del progetto, cioè l’esposizione dei contenuti da parte degli studenti, che hanno preparato, per coloro che vorranno assistere, una presentazione in Power-Point.

2^D Gobetti

La classe 2^ D – ITI dell’Istituto Gobetti in occasione dell’Uscita didattica presso la facoltà di Medicina-Veterinaria di Bologna

 

Questa voce è stata pubblicata in Notizie. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.