Censimento degli alberi monumentali di Scandiano

Il Cmune di Scandiano, come richiesto dal Decreto 23/10/2014 del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali deve provvedere al censimento delle alberature monumentali presenti sul proprio territorio.

- il censimento consiste nella formulazione dell’elenco delle specie arboree da tutelare (come da schema allegato 1 del Decreto attuativo), delle schede di identificazione e del materiale fotografico e documentale;

- tale censimento avverrà tramite ricognizione territoriale sia con rilevazione diretta e schedatura del patrimonio vegetale che attraverso segnalazioni provenienti da cittadini, associazioni, istituti scolastici, enti territoriali ecc.;

Di seguito è possibile scaricare il modulo per segnalare alberi che potrebbero avere caratteristiche per essere classificati come monumentali. Gli interessati possono compilarla e consegnarla presso l’Ufficio Ambiente del Comune negli orari di apertura dell’ufficio o inoltrarla all’indirizzo mail: ambiente@comune.scandiano.re.it

Scheda segnalazione albero monumentale

Cos’è un albero monumentale
Sono alberi monumentali quelli considerati rari esempi di maestosità, di longevità, che si distinguono per età e dimensioni o di particolare pregio naturalistico per rarità botanica e peculiarità delle specie. Ma lo sono anche quegli alberi che hanno un pregio in riferimento ad eventi storici o memorie culturali o documentarie rilevanti.
Più precisamente, la legge n. 10/2013 e il successivo Decreto attuativo sanciscono una precisa definizione di albero monumentale.
Ai sensi dell’art. 7, comma 1, per albero monumentale si intende:

a) l’albero ad alto fusto isolato o facente parte di formazioni boschive naturali o artificiali ovunque ubicate ovvero l’albero secolare tipico, che possano essere considerati come rari esempi di maestosità e longevità, per età o dimensioni, o di particolare pregio naturalistico, per rarità botanica e peculiarità della specie, ovvero che rechino un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico, culturale, documentario o delle tradizioni locali;

b) i filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico e culturale, ivi compresi quelli inseriti nei centri urbani;

c) gli alberi ad alto fusto inseriti in particolari complessi architettonici di importanza storica e culturale, quali ad esempio ville, monasteri, chiese, orti botanici e residenze storiche private.

Agli alberi monumentali vengono quindi riconosciuti sia un valore ambientale, ma anche un valore culturale. Un albero monumentale non è, infatti, solo un “grande albero di bell’aspetto”, esso è soprattutto un sopravvissuto, una testimonianza di un paesaggio, di un ecosistema, di un uso del suolo e di una precisa fase della vita degli uomini che attraverso le generazioni l’hanno piantato, accudito e a vario titolo goduto.

Questa voce è stata pubblicata in Notizie. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.