Diritto di voto dei cittadini italiani

Hanno diritto di voto i cittadini italiani maggiorenni iscritti nelle liste elettorali (occorre aver compiuto 18 anni entro le ore 24 del 13 giugno 2004)
I ricoverati ed i detenuti possono votare nel Comune dove ha sede il luogo di cura o la Casa Circondariale (per le modalità rivolgersi all’Ufficio Elettorale).
Per poter votare occorre presentarsi al seggio con la tessera elettorale e con un documento di riconoscimento (carta d’identità o altro documento di riconoscimento con fotografia rilasciato dalla Pubblica Amministrazione, per esempio: patente, passaporto, libretto di pensione, patente nautica, patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, porto d’armi, tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia, purché convalidata da un comando militare).
I documenti sopra elencati possono essere utilizzati anche se scaduti, purché risultino sotto ogni altro aspetto regolari e possano assicurare la precisa identificazione del votante.
In mancanza di documento l’identificazione può avvenire anche attraverso:
• uno dei membri del seggio che conosca personalmente l’elettore e ne attesti l’identità
• un altro elettore del comune, noto al seggio (provvisto di documento valido), che ne attesti l’identità.
Le persone che hanno in corso un trasferimento di residenza e che vogliono sapere in quale Comune possono votare devono informarsi presso l’Ufficio Elettorale del comune dove si sono trasferite.

 

I commenti sono chiusi.