Al via la campagna abbonamenti del Teatro Boiardo di Scandiano

Lunedì 9 settembre ha preso ufficialmente il via la campagna abbonamenti per la nuova stagione teatrale 2019-2020 del Teatro Boiardo di Scandiano che vedrà dal prossimo ottobre fino ad aprile 2020 alternarsi sul palcoscenico di via XXV aprile ben undici spettacoli tra prosa, danza e musica oltre a tre spettacoli domenicali pomeridiani di teatro ragazzi per le famiglie programmati nei mesi di gennaio, febbraio ed aprile 2020.
Un cartellone cresciuto rispetto alla passata edizione, realizzato grazie alla stretta collaborazione tra Amministrazione comunale e ATER-Associazione Teatrale Emilia Romagna-Circuito Regionale Multidisciplinare insieme per il quinto anno consecutivo.
Le formule di abbonamento saranno tre:
Boiardo Gold
che prevede l’abbonamento all’intera stagione teatrale con 11 spettacoli al costo di Euro 125 (risotto Euro 110); Boiardo Silver che prevede l’abbonamento all’intera stagione teatrale con l’esclusione dello spettacolo della Compagnia delle Ariette dal titolo Attorno a un tavolo in programma al Castello di Arceto il 22, 23, e 24 al costo di Euro 118 8ridotto Euro 105) ottobre e Carnet 4 che prevede l’abbonamento a 4 spettacoli a scelta al costo unico di Euro 65.
I criteri per la determinazione delle riduzioni sono i seguenti: soci Coop e Associazioni del territorio (se in gruppi di almeno 10 persone). Soci Coop: ogni carta socio permette di acquistare n. 1 abbonamento a prezzo ridotto.
Da lunedì 9 settembre a domenica 15 settembre la vendita degli abbonamenti sarà riservata agli abbonati della stagione 2018/2019 con la formula Boiardo 8, che potranno eventualmente confermare il posto occupato nella scorsa stagione. La biglietteria rispetterà i seguenti orari:

  • – lunedì 9 e mercoledì 11 settembre: dalle ore 9 alle ore 12
  • – orari di programmazione cinematografica
  • – su appuntamento telefonando al numero 0522/854355

Da lunedì 16 a domenica 22 settembre saranno in vendita anche gli abbonamenti Boiardo Silver e la biglietteria rispetterà i seguenti orari

  • – lunedì 16 e mercoledì 18 settembre: dalle ore 9 alle ore 12
  • – orari di programmazione cinematografica
  • – su appuntamento telefonando al numero 0522/854355

Il carnet 4 sarà in vendita da lunedì 23 a domenica 29 settembre e la biglietteria rispetterà i seguenti orari

  • – lunedì 23 e mercoledì 25 settembre: dalle ore 9 alle ore 12
  • – orari di programmazione cinematografica
  • – su appuntamento telefonando al numero 0522/854355

Dal 30 settembre saranno in vendita i biglietti singoli per tutti gli spettacoli della stagione nei seguenti orari:

  • – lunedì dalle ore 9 alle ore 12
  • – negli orari di programmazione cinematografica
  • – su appuntamento telefonando al numero 0522/854355
  • – il giorno dello spettacolo dalle ore 18 alle ore 21
  • – on line sul circuito Vivaticket www.vivaticket.it

Per gli studenti e i docenti è possibile acquistare biglietti e abbonamenti tramite il Bonus Docenti e 18APP a prezzi ridotti.

Il cartellone completo degli spettacoli è il seguente:

Attorno a un tavolo
22/23/24 ottobre – Castello di Arceto
Teatro delle Ariette
Uno spazio scenico condiviso: una Cucina. Un grande tavolo al centro. Attorno ci sono tavoli da lavoro, forno, pentole, fornelli, taglieri e mattarelli.
Paola, Stefano e Maurizio accolgono gli spettatori, li fanno accomodare attorno al tavolo e apparecchiano. Così comincia la cena (o il pranzo) e i tre attori, servendo acqua e vino, focacce, formaggio, verdure e tagliatelle, raccontano storie di vita (di teatro, di agricoltura, di paura di volare, di amici e di cinghiali), esperienze personali, piccoli fallimenti apparentemente senza importanza, inquietudini che attraversano il nostro presente. Lo fanno con leggerezza, senza drammatizzare, piuttosto con la voglia di giocare.
Nella Cucina-Teatro delle Ariette tentano di creare, per il tempo effimero dello spettacolo, una comunità provvisoria, forse ancora possibile.

Piccoli crimini coniugali
7 novembre
Michele Placido e Anna Bonaiuto
Lo spettacolo mette in scena un altalenante matrimonio fra impercettibili slittamenti del cuore e tradimenti conclamati. Un sottile, brillante gioco al massacro a due voci, una coppia come tante che da ormai quindici anni si trova a vivere un apparentemente tranquillo menage familiare fino a che un piccolo incidente domestico sovvertirà l’ordine delle cose diventando la causa scatenante di un distruttivo confronto incessante.

La locandiera
5 dicembre
Arca Azzura Teatro
Amanda Sandrelli in quello che dalla critica di tutti i tempi è considerato il capolavoro di Carlo Goldoni, interpreterà Mirandolina, donna feroce, orfana, abituata a comandare, a difendersi e a lottare. Lottare su più fronti, per portare avanti la locanda dopo la morte del padre, per affermare la forza e la dignità di una donna, in un mondo in cui le donne sono solo oggetto di piacere o di disprezzo. Lo spettacolo, con bellissimi costumi e scenografie che rispecchiano i tempi goldoniani, tratta però temi sempre attuali e con forti valenze sociali anche contemporanee.

Misery
17 dicembre
Filippo Dini, Arianna Scommegna e Carlo Orlando
Fondazione Teatro Due, Teatro Nazionale di Genova
Tratto da uno dei capolavori di Stephen King più famosi al mondo. Una storia che è orrore, claustrofobia, follia. Misery è un testo senza tempo in cui vengono indagati i meandri della mente umana che cerca le storie, le vuole, le brama. Misery è una grande opera sul potere magico della narrazione. Ed ecco perché poter guardare questa storia in teatro è una grande occasione e un grande prvilegio. Perchè il teatro è il luogo della magia.

Il silenzio grande
14 gennaio
regia di Alessandro Gassmann
Questa inedita commedia in due atti vedrà la partecipazione di Stefania Rocca. Si tratta un tema importante, quello dei rapporti familiari, del tempo che scorre, del luogo dove le nostre vite scorrono e mutano negli anni, ovvero la casa. Il testo è Maurizio De Giovanni, scrittore napoletano di fama internazionale, autore di numerosi libri di successo dai quali sono state tratte anche le serie de Il Commissario Ricciardi fino a I bastardi di Pizzofalcone.

Moliere/Il Misantropo
23 gennaio
di Valerio Malosti
Una commedia tragica, venata di una forma di umorismo instabile e pericolante, che porta in sé, appena al di sotto della superficie comica, le vive ferite e il prezzo altissimo costato al suo autore: in essa emergono le nevrosi, i tradimenti, i dolori di un personaggio capace di trasformare tutto il proprio disagio e la propria rabbia in una formidabile macchina filosofica, esistenziale e politica, che interroga e distrugge qualunque cosa incontri nel suo percorso. Ma questo capolavoro è allo stesso tempo anche il dramma di un essere inadeguato alla realtà, l’allucinata tragedia di un uomo ridicolo, che si scontra con un femminile complesso e modernissimo, rappresentato come un prisma dalle tre figure di donna presenti nel testo, una sorta di misteriosa trinità.

Woyzeck. Ogni uomo è un abisso
6 febbraio
Teatro dei Venti
nell’ambito del protocollo d’intesa Teatro e Salute mentale
Il testo è stato scelto per la molteplicità di temi e analisi che scaturiscono dalla sua lettura. Nel Woyzeck l’uomo, vittima e carnefice, resta un grande mistero. Il gruppo attraverso questo spettacolo sta affrontando una ricerca che indaga la dilatazione dei tempi, i momenti di sospensione, la nudità, la capacità di toccare zone di fragilità attraverso l’attesa. Una ricerca sull’essenza stessa del recitare, del fare, privilegiando l’ascolto. L’ascolto ha una dimensione poetica, è un’azione, un’attività partecipativa che stringe relazioni. Il teatro è un pretesto per creare relazioni.

Concerto
18 febbraio
Clarice Assad – pianoforte e voce
Fabrizio Bosso – tromba
Un appuntamento imperdibile che vede insieme due artisti di fama internazionale come la pianista e cantante brasiliana Clarice Assad ed il trombettistaitaliano Fabrizio Bosso.

Si nota all’imbrunire
3 marzo
con Silvio Orlando
Orlando, immagine rappresentativa dell’intera stagione di Scandiano, torna al Boiardo con uno spettacolo sulla solitudine sociale. I figli Alice, Riccardo e Maria sono arrivati la sera prima. Il fratello maggiore Roberto anche. Un fine settimana nella casa di campagna di Silvio, all’inizio del villaggio spopolato dove vive da solo da tre anni. Silvio ha acquisito, nella solitudine, un buon numero di manie, la più grave di tutte: non vuole più camminare. Non si vuole alzare. Vuole stare e vivere seduto il più possibile. E da solo. Si tratta, per i figli che finora non se ne erano preoccupati troppo, di decidere che fare, come occuparsene, come smuoverlo da questa posizione che è una metafora del suo stato mentale: che è quella di un uomo che vive accanto all’esistenza e non più dentro la realtà.

Trittico. LOST IN “O” “RAIN DOGS
12 marzo
produzione Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto
Compagnia punta di diamante del panorama coreutico italiano, Aterbaletto presenta tre coreografie di altrettanti coreografi di fama internazionale. LOST è lo sviluppo di un’idea sulla quale Saul Daniele Ardillo ha lavorato per più di un anno. L’idea di base di “O” di Philippe Kratz è l’eternità e come raggiungerla è l’obiettivo finale. RAIN DOGS di Johan Inger rappresenta le complessità e le contraddizioni che caratterizzano il rapporto con il mondo e segnano le relazioni con gli altri.

Black leather. Due pugni guantati di nero
2 aprile
di Federico Buffa
E’ il racconto della storia che sta dietro una delle immagini più famose del Novecento, quella in cui Tommie Smith e John Carlos si trovano sul podio dei 200 metri alle Olimpiadi a Città del Messico, il 16 ottobre 1968, con i pugni alzati, i guanti neri (simbolo del black power), i piedi scalzi (segno di povertà), la testa bassa e una collanina di piccole pietre al collo (“ogni pietra è un nero che si batteva per i diritti ed è stato linciato”). Smith e Carlos facevano parte dell’Olympic Project for Human Rights e decisero di correre alle Olimpiadi nonostante il 4 aprile Martin Luther King fosse stato assassinato (e molti altri atleti avessero deciso di non partecipare). Tommie Smith arrivò primo (stabilendo il nuovo record mondiale dei 200 metri), Carlos terzo.

Tutte le informazioni sugli spettacoli e gli abbonamenti le trovate sul sito www.cinemateatroboiardo.com

Questa voce è stata pubblicata in Notizie. Contrassegna il permalink.