Bando per fondi di garanzia su crediti delle imprese cooperative

Bando per la concessione di quote di un fondo da destinare alla garanzia dei finanziamenti delle imprese cooperative in seguito all’emergenza covid-19.

PREMESSA:
Il presente bando è finalizzato a trasferire un fondo da destinare al rilascio di garanzie su crediti delle imprese cooperative di qualsiasi dimensione, con sede legale o unità locale nel territorio dell’Emilia-Romagna.

A CHI SI RIVOLGE IL BANDO:
Con D.G.R. 410/2020 sono stati invitati a presentare le manifestazioni di interesse i confidi (o ATI di confidi), che fungono da soggetti “intermediari”, ma i beneficiari “finali” sono le imprese cooperative che, alla data di presentazione della richiesta di garanzia, posseggano i seguenti requisiti:

  • a) avere sede legale o unità locale nel territorio della Regione Emilia-Romagna;
  • b) essere regolarmente costituite ed iscritte nel registro delle imprese della CCIAA territorialmente competente;
  • c) non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione coatta, liquidazione volontaria, concordato preventivo (ad eccezione del concordato preventivo con continuità aziendale), ed ogni altra procedura concorsuale prevista dalla legge fallimentare e da altre leggi speciali, né avere in corso un procedimento per la dichiarazione di una di situazione che ne comprometta la continuità aziendale;
  • d) esercitare un’attività economica identificata con qualunque settore ATECO;
  • e) assenza di cause di divieto, sospensione o decadenza previste dall’art. 67 del D. Lgs. 159/2011 e successive modificazioni (Codice antimafia) nei confronti dei soggetti previsti, a seconda della tipologia dell’impresa richiedente, all’art. 85 del medesimo decreto.

L’importo massimo della garanzia per operazione è di 2.000.000,00 euro e la durata massima del credito è di 72 mesi. Le garanzie operate con il presente fondo regionale non prevedono il pagamento di un premio che tenga conto della remunerazione per il rischio di credito.
Il possesso dei suddetti requisiti deve essere attestato dall’impresa richiedente mediante dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni e verificato (ad eccezione del requisito di cui alla lettera e) dal confidi.
La verifica del possesso del requisito di cui alla lettera e) avverrà tramite l’Amministrazione regionale, a seguito della trasmissione, da parte delle cooperative di garanzia e dei consorzi fidi, dei dati relativi ai soggetti previsti all’art. 85 del D.Lgs. 159/2011, con riferimento alle imprese del campione soggetto a controllo.
L’esito negativo, anche di uno, dei controlli di cui sopra comporta la decadenza e la conseguente revoca dell’agevolazione da parte della cooperativa di garanzia o del consorzio fidi.

CONTROLLI E REVOCHE:
La Regione si riserva la facoltà di svolgere in ogni momento, anche tramite incaricati esterni, tutti i controlli, anche a campione, secondo le modalità da essa definite e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000, al fine di verificare il possesso dei requisiti richiesti per la concessione dei contributi nonché la corretta utilizzazione degli stessi.
I soggetti beneficiari sono tenuti a consentire, agevolare e non ostacolare, in qualunque modo, le attività di controllo da parte della Regione e a tenere a disposizione tutti i documenti giustificativi relativi alle spese finanziate.
In caso di revoca dell’agevolazione, i confidi gestori sono tenuti a richiedere la restituzione del contributo all’impresa cooperativa, ad incremento del fondo dato in gestione.

INFORMAZIONI, COMUNICAZIONI E MODULISTICA:
Si invitano le imprese cooperative interessate a reperire ulteriori informazioni presso i tre confidi selezionati tramite D.G.R. 410/2020.

DISCLAIMER:
Questa informativa ha valore puramente divulgativo. Per approfondimenti e chiarimenti si rimanda al testo ufficiale della D. G. R. n. 410/2020: http://servizissiir.regione.emilia-romagna.it/deliberegiunta/servlet/AdapterHTTP?action_name=ACTIONRICERCADELIBERE&operation=leggi&cod_protocollo=GPG/2020/373&ENTE=1 .

Documento informativo in pdf

Questa voce è stata pubblicata in Notizie. Contrassegna il permalink.