Coronavirus: fondi europei di sviluppo regionale

Bando per Progetti di ricerca e innovazione industriale per soluzioni di contrasto alla diffusione del COVID-19.

PREMESSA:
Con il presente bando la Regione intende mobilitare il sistema regionale di ricerca ed innovazione, in particolare le imprese ed i laboratori della Rete Alta Tecnologia, nello studio e sperimentazione di soluzioni innovative per il contrasto al l’epidemia da COVID-19, e sostenere lo sviluppo e sperimentazione di soluzioni concrete e di tempestiva applicazione, che possano avere la più ampia diffusione e ricaduta su tutto il territorio regionale.

A CHI SI RIVOLGE IL BANDO:

  • Piccole, medie e grandi imprese ai sensi della vigente normativa, con sede legale o unità locale produttiva all’interno del territorio emiliano-romagnolo;
  • Laboratori di ricerca accreditati dalla Regione Emilia-Romagna.

OBIETTIVI:

La Regione intende sostenere progetti di ricerca e sviluppo concentrati su un arco di tempo limitato a 6 mesi (con eventuale proroga di max. 2 mesi) e quindi di breve durata, finalizzati allo sviluppo e sperimentazione di soluzioni (prodotti e servizi) innovative per il contrasto all’epidemia di COVID-19, in grado di essere quindi rapidamente industrializzate ed adottate su scala adeguata alla domanda almeno regionale.

I progetti dovranno riguardare almeno uno dei seguenti obiettivi:

  •  fornire mezzi di contrasto alla diffusione del contagio da COVID-19 e della più ampia famiglia di Coronavirus;
  •  rendere disponibili soluzioni per utilizzare materiali già esistenti, sperimentare nuovi materiali e trattamenti superficiali per la realizzazione di dispositivi di protezione individuale, o comunque per ridurre il rischio di contaminazione attraverso il contatto con le superfici;
  •  rendere disponibili soluzioni tecnologiche ed organizzative innovative in grado di ridurre il rischio di contaminazione e garantire la sicurezza delle persone sui luoghi di lavoro, sia in ambito produttivo che nel settore dei servizi. Tali soluzioni potranno essere basate sull’applicazione di tecnologie digitali per la realizzazione di servizi o di prodotti informatici ma potranno anche riguardare altri aspetti legati ad esempio alla sanificazione degli ambienti, o a dispositivi per favorire il distanziamento fisico o temporale delle persone negli ambiti di fruizione. Rientrano in questo ambito anche lo sviluppo di soluzioni innovative per favorire il lavoro a distanza.
  •  rendere disponibili soluzioni tecnologiche innovative in grado di ridurre il rischio di contaminazione, garantire il distanziamento delle persone, gestire sistemi di monitoraggio della sicurezza in ambienti aperti al pubblico, con particolare attenzione ai luoghi dove vi è una significativa aggregazione di persone;
  •  favorire la riconversione, anche parziale, di imprese verso la produzione di dispositivi di protezione individuale o comunque di prodotti e servizi volti alla gestione dell’emergenza, comunque limitatamente alle attività di ricerca, sperimentazione ed eventuale certificazione dei prodotti.

Le proposte dovranno riguardare lo sviluppo e la sperimentazione di soluzioni (prodotti o servizi) che possano immediatamente passare alla fase di produzione e commercializzazione al termine del progetto.
I progetti non potranno riguardare copie pedisseque di soluzioni già disponibili a mercato, ma dovranno presentare significative modifiche, ad esempio per essere adattate a rispondere all’attuale situazione di emergenza.
In nessun caso potranno essere finanziati progetti che riguardino la mera introduzione di tecnologie,applicazioni e dispositivi presso il proponente, anche se finalizzati alla messa in sicurezza del proprio luogo di lavoro, potrà comunque essere ammessa la sperimentazione nella propria azienda delle soluzioni progettuali proposte.
I progetti dovranno prevedere un costo totale ammissibile non superiore a 150.000,00 euro e non inferiori a 10.000,00 euro.
Il contributo massimo erogabile è pari all’80% del valore dell’investimento approvato per un massimo di 120.000,00 euro.

In considerazione dell’interesse collettivo a cui questo bando si indirizza, e della straordinaria situazione di emergenza che il sistema produttivo regionale si trova ad affrontare, ai proponenti è richiesto di impegnarsi a dare massima diffusione ai risultati dei progetti, al fine di consentire un’adozione su larga scala delle soluzioni che verranno sviluppate, anche attraverso specifiche attività di promozione da realizzare in collaborazione con la Regione e con società ed enti ad essa collegate.

CARATTERISTICHE DEI PROGETTI:

Sono finanziabili le seguenti attività:

• Ricerca industriale: ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti. Comprende la creazione di componenti di sistemi complessi necessaria per la ricerca industriale, in particolare per la validazione di tecnologie generiche, ad esclusione dei prototipi di cui al punto successivo;

• Sviluppo sperimentale: acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e altro, allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati; può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi; tali attività possono comprendere l’elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, purché non siano destinati a uso commerciale; rientra nello sviluppo sperimentale la realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici e/o commerciali, quando il prototipo è necessariamente il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione è troppo elevato per poterlo usare soltanto a fini di dimostrazione e di convalida.

Al termine del progetto i beneficiari sono tenuti ad una relazione dettagliata sui risultati raggiunti in relazione al progetto presentato e chiarendo in modo particolare gli obiettivi non raggiunti. Dovranno anche dettagliare le operazioni che saranno realizzate nei successivi tre mesi sia in termini di impiantistica sia in termini di personale addetto per l’industrializzazione e commercializzazione/diffusione dei risultati del progetto.

TERMINI E SCADENZE:

Il presente bando è un bando aperto con “procedura valutativa” a sportello, aperto dal 27/04/2020 (ore 10.00) al 30/06/2020 (ore 13.00) salvo esaurimento delle risorse. Le spese possono risultare eleggibili dal 01/02/2020 (a seconda del regime scelto dal soggetto proponente).

La procedura di selezione e valutazione dei progetti sarà di tipo valutativo a sportello. Pertanto, la selezione delle domande e la valutazione dei progetti sarà effettuata secondo l’ordine cronologico di presentazione degli stessi.

SPESE AMMISSIBILI:

Sono ammissibili i costi necessari per la realizzazione del progetto di ricerca e sviluppo e strettamente legati alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale:

  1.  spese di personale, sia adibito ad attività di ricerca, progettazione, sperimentazione, sia adibito a funzioni di produzione, incluso personale ausiliario (sia a tempo determinato che indeterminato);
  2. spese per l’acquisto o locazione di strumentazione scientifica ed impianti industriali, questi ultimi da utilizzare (anche parzialmente) a scopo sperimentale (incluso software specialistico ed hardware, di nuova fabbricazione), e necessari alla realizzazione del progetto e non riferibili al normale funzionamento del ciclo produttivo;
  3. spese per l’acquisizione di servizi ad alto contenuto di ricerca scientifica e tecnologica, le competenze tecniche ed i brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da soggetti esterni, utilizzati esclusivamente per l’attività del progetto, inclusa l’acquisizione dei risultati di ricerca, di brevetti e di know-how, di diritti di licenza, nell’ambito di un’operazione effettuata alle normali condizioni di mercato, le spese per l’utilizzo di laboratori di ricerca o di prova. Sono ammissibili anche le spese per test di conformità e certificazioni di prodotto, qualora obbligatorie per la messa in produzione del prodotto;
  4.  spese sostenute per la costruzione di macchinari prototipali fisicamente riscontrabili (impianti pilota, macchinari, robot, linee produttive sperimentali …). In questa voce sono inclusi componenti, semilavorati, materiali commerciali, e loro lavorazioni tutti riferiti alla costruzione di tali prototipi e/o impianti pilota;
  5.  costi per materiali di consumo utilizzati durante le prove necessarie allo sviluppo del progetto o per l’attività di sperimentazione del prototipo in via di realizzazione e comunque strettamente necessari all’attività di ricerca per una percentuale massima del 20% della somma delle voci di spesa da 1 a 4;
  6.  spese generali (costi indiretti), calcolate nella misura forfetaria del 15% della voce di spesa 1.

INFORMAZIONI, COMUNICAZIONI E MODULISTICA:

Le informazioni e le comunicazioni relative al presente bando, con la relativa modulistica al link all’applicativo su cui presentare domanda, sono disponibili sul sito:
Por Fesr: http://fesr.regione.emilia-romagna.it/

Per informazioni è possibile rivolgersi dal lunedì al venerdì, ore 9.30-13.00 a:
Sportello Imprese, tel. 848800258 – chiamata a costo tariffa urbana, secondo il proprio piano tariffario, oppure scrivere a infoporfesr@regione.emilia-romagna.it.

DISCLAIMER:

Questa informativa ha valore puramente divulgativo. Per approfondimenti e chiarimenti si rimanda al testo ufficiale della D. G. R. n. 342/2020 (Pubblicazione BUR: Num. 120 del 20/04/2020), http://servizissiir.regione.emilia-romagna.it/deliberegiunta/servlet/AdapterHTTP?action_name=ACTIONRICERCADELIBERE&operation=leggi&cod_protocollo=GPG/2020/354&ENTE=1, e successive rettifiche previste dalla D. G. R. n. 381/2020 (Pubblicazione BUR: Num. 128 del 27/04/2020), http://servizissiir.regione.emilia-romagna.it/deliberegiunta/servlet/AdapterHTTP?action_name=ACTIONRICERCADELIBERE&operation=leggi&cod_protocollo=GPG/2020/450&ENTE=1

Documento informativo formato pdf

Questa voce è stata pubblicata in Notizie. Contrassegna il permalink.