Qualità dell’aria, tornano le limitazioni contro l’inquinamento

Ripartono dal 1° ottobre 2022 e fino al 30 aprile 2023 le misure previste dalla Regione Emilia-Romagna per combattere l’inquinamento e migliorare la qualità dell’aria.
A tal fine il Sindaco di Scandiano come tanti colleghi dei comuni facenti parte della pianura emiliaro-romagnola, ha emenato apposit ordinanza.

Ordinanza limitazioni

Planimetria limitazioni traffico

Elenco veicoli oggetto di deroga

Riportiamo la sintesi delle misure previste:

LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE
dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, divieto di circolazione nell’area del centro abitato di Scandiano:
A. nel periodo 01/10/2022 – 30/04/2023, per i seguenti veicoli privati:
– veicoli alimentati a benzina EURO 0, EURO 1 ed EURO 2
– veicoli alimentati a GPL/benzina o metano/benzina 0 ed EURO 1
– veicoli diesel EURO 0, EURO 1 ed EURO 2
– ciclomotori e motocicli EURO 0, EURO 1
B. nel periodo 01/01/2023 – 30/04/2023, anche per i seguenti veicoli privati:
– veicoli diesel EURO 3
Sono previste deroghe che sono dettagliate all’interno dell’ordinanza.

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO DOMESTICI
nel periodo 01/10/2022 – 30/04/2023, in tutto il territorio comunale divieto di utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “3 stelle” e focolari aperti o che possono funzionare aperti

ABBRUCIAMENTO RESIDUI VEGETALI
nel periodo 01/10/2022 – 30/04/2023 divieto di abbruciamento dei residui vegetali

MISURE VALIDE TUTTO L’ANNO
– divieto di installare generatori a biomassa legnosa con classe di prestazione emissiva inferiore alla classe “4 stelle”
– obbligo di utilizzare, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellet certificato conforme alla classe A1
– divieto di installazione e di utilizzo di impianti per la climatizzazione invernale e/o estiva in spazi di pertinenza dell’organismo edilizio, in spazi di circolazione e collegamento comuni a più unità immobiliari
– obbligo di chiusura delle porte di accesso al pubblico da parte di esercizi commerciali

In caso di emergenze comunicate da ARPAE a seguito del peggioramento della qualità dell’aria:
– in tutto il territorio comunale divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “4 stelle”
– in tutto il territorio comunale la temperatura negli ambienti di vita riscaldati non deve superare i seguenti valori massimi:
19°C (+ 2°C di tolleranza) negli edifici adibiti a residenza, a uffici, ad attività ricreative e di culto, ad attività commerciali e ad attività sportive
17°C (+ 2°C di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali
salvo indicazioni maggiormente restrittive legate ad altre misure di carattere nazionale
(sono esclusi ospedali, cliniche e case di cura, edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli)
– in tutto il territorio comunale divieto di spandimento dei liquami zootecnici

Maggiori informazioni “Liberiamo l’aria”